T.I.M.E. Stories – Asylum – Incursione 1 (Spoiler, Molti Spoiler)

ATTENZIONE: Il seguente articolo contiene numerosi spoiler sul gioco. Vi consigliamo di NON leggere l'articolo prima di aver giocato per non rovinarvi l'esperienza di gioco!

Appena arrivati alla base ci guardiamo intorno stupiti, avevamo spesso sentito parlare dei cilindri temporali dell'Agenzia T.I.M.E. (Tachyon Insertion in Major Events), ma non li avevamo mai visti dal vivo. Finalmente però il momento tanto atteso è arrivato. Non solo possiamo vederli da vicino in tutto il loro splendore ma, a breve, potremmo anche entrarci ed essere assegnati finalmente ad un ricettacolo di chissà quale epoca fantastica.

La Base

Bob, Laura e Sam, i nostri riferimenti alla base, ci guidano e dopo un veloce tour della zona adibita ai viaggi ci fanno entrare in 4 cilindri temporali liberi. Io prendo il primo, quello con le strisce gialle, Gorzog quello con le strisce rosa, Eriette il verde ed, infine, Pauro entra in quello blu. Anche all'interno dei cilindri riusciamo a sentire la voce di Laura che ci spiega la nostra destinazione: Parigi, 1921, Manicomio. L'obiettivo: prevenire una falla temporale, il tutto in 25 UT. Speriamo che la missione sia come le esercitazioni fatte in precedenza e di non fare troppi casini visto che ci vuole molta energia per ogni trasferimento in un nuovo ricettacolo. Tutto d'un tratto il cilindro temporale si illumina ed inizia a brillare molto forte, è difficile tenere gli occhi aperti. Li chiudo solo un attimo e, quando li riapro, mi trovo in un altro corpo. Guardo le mani e vedo che non sono le mie, non indosso più neanche la tuta dell'Agenzia. Mi guardo in giro, in cerca di uno specchio. Sembra di essere in un salotto ben arredato, ma guardando meglio le persone capisco di esser già all'interno del manicomio. Vado verso alla finestra e cerco di specchiarmi. Il mio ricettacolo è una donna anziana dal viso arcigno. Non so bene come, essendo il primo "viaggio" in un vero ricettacolo, ma so di chiamarmi Mademoiselle Dume e di non aver nessun talento particolare, se non quello di far irritare le persone.

I Ricettacoli

Guardando meglio i presenti nella stanza capisco subito chi, tra i presenti, è un ricettacolo: Una bella ragazza affascinante, Marie Bertholet, ricettacolo di Gorzorg, un ragazzo dall'aria consumata e palesemente drogato, Vasil La Faina, che ospita Eriette ed una giovane ragazza che sembra una perfetta psicopatica Edith Jolibois, controllata da Pauro. Devo ammettere che la cura con cui sono stati scelti i ricettacoli è notevole, si integrano tutti perfettamente con l'ambiente in cui ci troviamo. Non sapendo bene come muoverci iniziamo ad esplorare la stanza.

Sala Comune

Marie (Gorzorg) va a parlare all'unica infermiera presente nella sala comune, che ci sta guardando male da quando siamo arrivati, Edith (Pauro) è attratto dal dipinto che sta ultimando una degli ospiti, Vasil (Eriette) si dirige verso un quadro appeso al muro mentre io mi siedo sul divano accanto ad un ospite dall'aria molto strana. Quest'individuo, dal nulla, mi porge una chiave, dicendomi che mi servirà in futuro per sopravvivere qui dentro e successivamente torna a vaneggiare. Edith (Pauro) sembra molto preso dal quadro e gli altri sembrano tutti indaffarati a cercare qualche informazione utile. Decidiamo quindi di spendere 1 UT (Unità Temporale) per proseguire le indagini nella Sala Comune. Io e Vasil (Eriette) andiamo a guardare il quadro che aveva incantato Edith (Pauro) per tutto il tempo, mentre Edith (Pauro) e Marie (Gorzorg) vanno a parlare con l'ultimo ospite rimasto. Da quello che ho potuto vedere e da quello che hanno raccontato gli altri agenti telepaticamente l'informazione più importante sembra risiedere nel quadro: "Sudest, poi in senso orario". Interpretiamo queste parole presenti sulla tela come un indizio su come procedere. Spendiamo quindi altre 2 UT per recarci nel Dormitorio, che si trova a Sud-Est rispetto alla sala comune.

Dormitorio

Il dormitorio al momento è vuoto fatta eccezione per un unico letto. Sul fondo della stanza una serie di armadietti copre l'intera parete mentre il lato destro è occupato da grandi finestre che danno sul giardino. Marie (Gorzorg), il ricettacolo con l'aspetto più bello tra i presenti, va a parlare con l'ospite, sperando di poter ottenere qualche informazione utile, Edith (Pauro) e Vasil (Eriette) vanno a guardare dalle finestre cercando una via di fuga, se mai sarà necessaria, mentre io punto gli armadietti, sperando che la chiave ricevuta poco fa possa tornarmi utile. Purtroppo mi accorgo presto che tutti gli armadietti sono aperti tranne 3, e che nessuno di questi ha una serratura compatibile con la mia chiave. Devo provare a scassinarli per vedere se all'interno c'è qualcosa di utile. Vedo che Marie (Gorzorg) parla in maniera concitata con l'ospite e, da quello che posso vedere da qui, non promette niente di buono. Spendiamo 1 UT nel tentativo di scassinare i 3 armadietti. Due cedono subito, ma uno oppone più difficoltà.  Marie (Gorzorg) intanto ha liberato l'ospite, che era legato al letto e si allontana per guardare fuori dalla finestra mentre Edith (Pauro) e Vasil (Eriette) si avvicino invece all'ospite. D'un tratto lui si alza e si avventa sui nostri compagni. Edith (Pauro) è presa alla sprovvista e prende un danno mentre Vasil (Eriette) riesce a contrattaccare e respingere, almeno per il momento l'ospite. Nonostante  il trambusto alle mie spalle riesco ad aprire anche l'ultimo armadietto, afferro il contenuto (uno sturalavandini, un rubino e un disegno di una stella) di tutti e mi dirigo verso i miei compagni per dagli supporto. L'ospite torna all'attacco puntando sempre Edith (Pauro), la preda più facile che viene di nuovo colpita. Fortunatamente però Vasil (Eriette) salva la situazione rendendo inoffensivo l'ospite e facendo tornare in se Edith (Pauro) grazie ad una dose della sua cocaina. Tutto questo trambusto ci è costato ben 2 UT e qui dentro ormai non c'è più niente di utile per il momento. Decidiamo quindi di spostarci in Cortile  per proseguire le indagini. Spendiamo 1 UT. Ne mancano solo 18 e non abbiamo ancora idea di come completare la missione.

Cortile

Per il momento il cortile sembra l'area più affollata, tre persone hanno appena terminato una partita di croquet, due guardie sorvegliano un grosso cancello e un paziente in abito da sera piroetta intorno ad un palo della luce. Istintivamente vado a parlare con il pazienta che piroetta, attratto dalla sua giocosità, Vasil (Eriette) ed Edith (Pauro), squadra ormai collaudata, si dirigono verso i giocatori di croquet mentre Marie (Gorzorg) cerca di andare a persuadere le guardie del cancello. Il paziente vede lo sturalavandini e dice che può aiutarmi se gli concedo l'oggetto. Marie (Gorzorg) vede che, per aprire i cancelli, serve una grossa chiave e, non avendo nessuna chiave adatta, decide di abbandonare l'opera di persuasione e non sprecare altre Unità Temporali. Vasil (Eriette) ed Edith (Pauro) vengono sfidati dai giocatori. Dopo una breve riunione telepatica in cui ci sentiamo molto confidenti, decidiamo di fidarci del paziente. Gli concediamo lo studalavandini, spendiamo 5 UT e attendiamo il suo aiuto. Purtroppo questo si rivela un vicolo cieco, il paziente non era in se e ci ha fatto solo sprecare tempo prezioso. Irritati dal risultato decidiamo di visitare la Cucina. E altre 2 UT se ne vanno.

Cucina

Anche la cucina è piena di gente, 5 persone sono occupate a svolgere le loro mansioni e, solo una di queste si accorge del nostro ingresso. Io e Edith (Pauro) ci dirigiamo verso un uomo e una donna che parlano in disparte, Marie (Gorzorg) va verso quello che sembra un macellaio mentre Vasil (Eriette) si porta alle spalle dei due lavapiatti. Con Edith (Pauro) riusciamo solo a sentire dei pettegolezzi su un dottore ed un infermiera nel gazebo prima di essere allontanati. Vasil (Eriette) vede la possibilità di rubare una chiave da uno dei due lavapiatti mentre il macellaio offre della carne a Marie (Gorzorg). Spendiamo 1 UT per prendere la carne e per tentare il furto della chiave. Vasil (Eriette) si spara una nuova dose per essere al meglio ma, nonostante questo, non riesce a rubare la chiave e viene sorpreso dai lavapiatti. Veniamo quindi espulsi e banditi dalla cucina. 1 UT (9 rimanenti) e siamo in Infermeria.

Infermeria

Nell'infermeria ritroviamo Josephine, l'infermiera già incontrata nella sala comune, dei letti con un paziente e un'infermiera, un infermiere che ci squadra appena entriamo e un armadio pieno di medicine. Io punto l'armadio, sperando che questa volta la chiave mi sia utile, Marie (Gorzorg) punta tutto sul suo bell'aspetto e si dirige verso l'infermiere, Edith (Pauro) va verso i letti e Vasil (Eriette) torna da Josephine. La divisione questa volta ha funzionato. La chiave apre l'armadietto e riesco a prendere altri 3 dosi di cocaina. L'infermiera da ad Edith (Pauro) un appuntamento al dormitorio per rivelarle qualche informazione extra. Vasil (Eriette), parlando con Josephine riesce a scoprire la posizione dell'ufficio del Dottor Hyacinth, mentre Marie (Gorzorg) riesce a far colpo sull'infermiere, Pierre. Purtroppo Pierre si attacca a Marie (Gorzorg) e questo richiede 2 UT extra per toglierselo di torno. Ci si aprono due strade ora, incontrare l'infermiera presso il dormitorio o andare nell'ufficio del dottore. Prima di spostarci Edith (Pauro) usa una delle dosi appena trovate per guadagnare un punto vita, non sappiamo cosa potremmo trovare nelle altre stanze, meglio essere preparati. Dopo la solita riunione telepatica decidiamo di spendere 2 UT e tornare al dormitorio per parlare con l'infermiera.

Dormitorio

L'infermiera ci rivela che il dottore sta impazzendo e ci rivela che all'interno del complesso è presente un'entrata segreta per le catacombe. Ci consiglia di trovarla ed utilizzarla il prima possibile. Prima di andarsene ci consegna una lettera indirizzata al professore e relativa ad un suo progetto segreto. E' giunto il momento quindi di affrontare il dottore e per questo ci rechiamo nel suo ufficio, anche se ci costa 1 UT.

Ufficio del Dottore

Entrati nell'ufficio del Dottor Hyacinth, Edith (Pauro) e Marie (Gorzorg) vanno subito a parlargli mentre io e Vasil (Eriette) siamo attirati da una foto del personale appesa nell'ufficio. Mentre siamo intenti ad ammirare la foto ed a notare piccoli particolari sentiamo un trambusto alle nostre spalle e vediamo Edith (Pauro) e Marie (Gorzorg) aggredire il Dottore. Vediamo anche che accanto alla libreria una piccola porticina, prima celata, si è aperta. Edith (Pauro), in queste fasi iniziali ha la peggio e subisce subito qualche ferita mentre Marie (Gorzorg) riesce a scansare i colpi. Portiamo subito supporto ai nostri compagni e riesco ad assestare qualche buon pugno prima del colpo finale di Edith (Pauro). Il Dottore è sconfitto e spinto all'interno della porticina. Decidiamo di entrare nel condotto quando tutto ad un tratto una luce fortissima mi colpisce gli occhi. Quando li riapro vedo la faccia di Bob dal vetro del cilindro temporale. Purtroppo abbiamo fallito la missione, non siamo riusciti a completarla nelle unità temporali che avevamo a disposizione. Siamo sicuri però che la prossima incursione andrà meglio.

Voto Incursione
  • 8.5/10
    Johnny (Mademoiselle Dume) - 8.5/10
  • 8.5/10
    Gorzorg (Marie Bertholet) - 8.5/10
  • 7/10
    Pauro (Edith Jolibois) - 7/10
  • 8/10
    Eriette (Vasil La Faina) - 8/10
8.0/10

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.