Unlock! Secret Adventures – Tombstone Express (Spoiler)

Esistono ormai diverse serie di giochi in scatola dedicate alle Escape Room o, più in generale, alla risoluzione di enigmi e indovinelli. Una di queste serie in grado di interpretare bene questi concetti è Unlock! Disponibile nel nostro paese grazie ad Asmodee Italia, la serie vede i giocatori impegnati in diverse avventure e non solo in Escape Room. La particolarità della serie sta nell'utilizzo della companion app (su smartphone) che guida e aiuta i giocatori nella storia fornendo sia aiuti, sia indovinelli ed enigmi. L'avventura di oggi, Tombstone Express, fa parte di Unlock! Secret Adventures. Essendo un gioco guidato dalla storia, può essere giocato una sola volta, per cui se non lo avete ancora giocato ma avete intenzione di giocarlo vi consigliamo di non leggere ancora quanto segue visto che contiene numerosi spoiler per tutta la partita. Se invece ci avete già giocato o non avete intenzione di giocarci vi auguriamo buona lettura.

Reportage Partita (con Spoiler!!)

"Firmare quel trattato di pace con gli Apache è importantissimo. L'unico modo per farlo è portare loro la preziosa gemma, Il Cuore di Geronimo. Ci aspettano a Tombstone tra esattamente un'ora. Se non arriviamo in tempo se ne andranno e allora sarà guerra. Sul treno qui con me ci sono John, incaricato di proteggere la pietra a costo della propria vita e Gorzorg, insieme riusciremo a far siglare quel trattato di pace. Costi quel che costi. Io e Gorzorg siamo sul vagone aperto dietro la locomotiva, quello dove viene stoccato tutto il carbone necessario per il viaggio. Non è un posto di classe ma ci permette di tenere la situazione sott'occhio.

Da qui infatti possiamo vedere dentro la locomotiva, dove Snow, il macchinista, fa il suo dovere: far funzionare la locomotiva senza intoppi. Vicino alla riserva di carbone c'è Hank, un senzatetto che non potendosi permettere un biglietto viaggia su questo vagone di servizio, suonando la sua armonica, leggendo il giornale e fumandosi un sigaro trovato chissà dove. Visto che il viaggio procede bene da un po' ci facciamo prestare il giornale e leggiamo qualche notizia. La consegna della gemma agli Apache è in copertina, insieme a qualche altro articolo sullo Yankee Doodle, l'inno dell'esercito dell'unione, e sulla spiegazione dei segnali di fumo, molto usati dagli Apache. La nostra lettura però è interrotta bruscamente da uno scoppio, arriva dal tetto del vagone accanto, quello blindato dove si trovano John e la gemma. Corriamo quindi verso il vagone e ci troviamo davanti ad una scena terribile.

John è accasciato a terra, ferito. Accanto alui la valigetta dove si trovava Il Cuore di Geronimo, ovviamente vuota. Per terra un piccolo foglio strappato, con scritto di fare attenzione a tutti, che la guerra contro gli Apache deve finire e frasi simili, il tutto firmato da S. Cleveland. Corriamo subito verso John, per sincerarci delle sue condizioni, ma appena inizia a spiegarci l'accaduto sviene di fronte a noi. Prendiamo in mano la valigetta, per vedere se la gemma è davvero scomparsa o magari è ancora li dentro. Controlliamo bene la valigetta e ci accorgiamo di un doppio fondo, in cui troviamo un foglio con la faccia di Abramo Lincoln, con una bella X sopra, un più e una stella. Nessuna traccia però della pietra preziosa. Deve averla presa qualcuno e quel qualcuno deve essere ancora sul treno. Iniziamo quindi la nostra ricerca.

Il primo vagone che attraversiamo è occupato da solo 2 persone, uno strano tizio col sombrero, armi e dinamite, di nome Wako, e una giovane donna di nome JaneWako è collaborativo nella nostra ricerca e ci spiega che ieri sera al saloon ha sentito due individui parlare del cuore e uno di loro indossava un'uniforme da confederato. Jane invece non è molto collaborativa e non ci dice niente, almeno fino a che non le facciamo vedere i distintivi. Ci racconta che ha sentito dei passi sul treno e che sembravano diretti verso il fondo. Inoltre, incastrata nei cardini della porta troviamo una carta (K di cuori).

Procediamo nella nostra ricerca ed arriviamo al Vagone Bar, un po' più affollato. Troviamo Jack, un giocatore di poker incallito, che ci porge alcune carte (J, Q e A di cuori), Nock, un professore intento anche lui a giocare a carte e Sean, il barista del treno. JackSean non sanno niente di quanto è accaduto, Nock invece sembra non collaborare. Come se non bastasse la porta per il vagone successivo richiede un codice. Proprio mente stiamo cercando di aprire la porta sentiamo degli spari provenire da fuori, i Desperados attaccano il treno. Interrompiamo quindi le nostre indagini e rispondiamo al fuoco.

Dal finestrino li vediamo tutti e 5, sui loro cavalli correre accanto al treno. Coprendoci a turno rispondiamo al fuoco. Riesco subito ad abbatterne uno, headshot. Gorzorg invece lo prende di striscio un paio di volte prima di colpirlo in pieno petto. Cadono dai loro cavalli anche il terzo e il quarto, sotto i colpi del mio revolver e Gorzorg ha l'onore di colpire l'ultimo. Ce l'abbiamo fatta, attacco al treno respinto, ma ci è costato un po' di tempo prezioso. Tornando al vagone bar inoltre notiamo una carta incastrata in un divanetto (10 di cuori). Per ringraziarci di aver salvato la situazione, il barista, Sean, ci dice che la combinazione per aprire la porta del prossimo vagone sono i suoi numeri preferiti. Non abbiamo neanche bisogno di chiedere quali siano. Dallo specchio alle sue spalle infatti notiamo che ha ricamati sulla divisa di lavoro 4 grandi numeri.

La porta si apre e ci troviamo nel vagone merci. Sembra deserto e pieno solo di scatoloni, ma all'occhio vigile di Gorzorg non sfugge niente. Vede una figura muoversi tra due casse in fondo al vagone. Si tratta di Awea, un'Apache clandestina che si era nascosta sul treno per tenere d'occhio la gemma preziosa. Accanto a lei troviamo anche un poncho. Anche la porta per il vagone successivo e chiusa, ma questa volta da uno strano meccanismo musicale. D'un tratto ci viene a chiamare Snow, il macchinista, che ha bisogno del nostro aiuto per far ripartire la locomotiva, danneggiata dall'attacco dei Desperados. Torno quindi in testa al treno e cerco di capire qualcosa su come funzioni una dannata locomotiva. L'operazione in realtà richiede meno tempo nel necessario e poco dopo riesco a tornare da Gorzorg nel vagone merci. Lo trovo però al vagone bar che parla con Jack, il giocatore di carte. Gorzorg restituisce a Jack le 5 carte che abbiamo trovato nel treno e lui ci ringrazia con una moneta luccicante su cui c'è impresso Abramo Lincoln. Purtroppo non potendo prendere soldi mentre siamo in servizio, decidiamo di dare la moneta ad Hank, il senzatetto che si trova sul vagone scoperto. Lui ci ringrazia e ci regala la sua armonica, non prima però di averci insegnato a suonare almeno 3 canzoni. Ci esercitiamo nel vagone merci e notiamo che il meccanismo musicale che chiude la porta ogni tanto lampeggia rosso, non stiamo suonando la melodia corretta. Decidiamo quindi di provare la seconda canzone che ci ha insegnato Hank, ma niente, ancora rosso. Proviamo quindi anche l'ultima canzone e tac, la porta si apre.

Ci troviamo un un lussuoso vagone privato con divanetti, bandiere, una cassaforte e una piantina degli stati uniti. Puntiamo subito alla cassaforte, magari ci hanno chiuso dentro la gemma preziosa. Per aprirla però serve una combinazione. Alzando lo sguardo Gorzorg nota che la bandiera sopra la cassaforte è piena di stelle, stelle, stelle... sul foglio trovato nel doppiofondo della valigetta c'erano le stelle! Magari è la combinazione che ci serve. In un lampo Gorzorg tira fuori dalla tasca il foglio, lo guarda e inserisce la combinazione nella cassaforte, 1878. Si apre e all'interno ci troviamo solo qualche banconota. Una delle quali però attira la nostra attenzione in modo particolare. C'è scritto Ferrovia linea A, texAs e una serie di numeri. Mi giro verso la cartina sul fondo e la osservo, parto dal Texas e osservo a quali altre città è collegato. In poco tempo noto una cosa simpatica, tutte le città sulla cartina hanno 1 o 2 A. Non sarà che la banconota indica il percorso da seguire sulla cartina? Decido che vale la pena tentare e così, qualche minuto dopo, ci ritroviamo io e Gorzorg ad indicare lo Utah sulla cartina. Guardiamo con più attenzione e notiamo che sotto lo Utah c'è qualcosa, un telegramma, di SC, composto solo da X e da _. Si tratta sicuramente di un codice per decifrare un messaggio. S.C. sono le stesse iniziali dell'autore del foglio trovato accanto al povero John. Cerco in tasca e tiro fuori gli appunti, provo ad applicare la chiave di lettura e il messaggio si trasforma. Da un consiglio di stare attenti a tutti e di bloccare la guerra, leggendo solo le parole indicate dalle X diventa un messaggio di un complice che comunica di effettuare il colpo per far iniziare la guerra. Corriamo quindi verso la testa del treno ma uscendo dalla stanza inciampiamo sul tavolino e facciamo rovesciare la valigetta e il suo contenuto. All'interno troviamo un'uniforme da confederato e una bottiglietta rossa con un residuo rossastro.

A 5 minuti da Tombstone gli Apache attaccano il treno e salgono a bordo dal vagone aperto. Non hanno l'area molto allegra. Se vogliamo vivere e porre fine alla guerra dobbiamo consegnare loro un nome e la pietra prima che il treno si fermi. Con Gorzorg ripassiamo mentalmente tutto quello che è successo, tutte le persone che abbiamo incontrato e cosa ci hanno detto. La spiegazione però è solo una, ci avviciniamo quindi al capo Apache e gli sussurriamo all'orecchio un nome. Arrivati a Tombstone il capo Apache scende dal treno con in mano Il Cuore di Geronimo, il trattato di pace è salvo. Ce l'abbiamo fatta!"

Diario di Johnny

22 Luglio 2018

 

Attestato

Giocatori: Johnny, Gorzorg

Tempo Impiegato: 58 Minuti e 40 Secondi

  • 0 Aiuti Richiesti
  • 3 Minuti di Penalità ottenuti (1 x 3 Minuti)
  • 0 Minuti perso a causa di Congegni (0)
  • 8 Minuti persi a causa di Combinazioni (4)

Punteggio Ottenuto: 5 Stelle su 5

Voto Partita
  • 7.5/10
    Johnny - 7.5/10
  • 9/10
    Gorzorg - 9/10
8.3/10

 

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Agnese ha detto:

    Posso chiederti come hai trovato la prima stanza del vagone (vagone passeggeri)?

Rispondi a Agnese Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.