Unfair – Crea il parco divertimenti dei tuoi sogni

Spesso quando si parla di giochi Print and Play si pensa a dei giochi di fascia bassa stampati su un paio di A4 con una grafica terribile e delle meccaniche traballanti. Trovarne alcuni che vale la pena stampare non è facile ma, quando capita, si tratta di giochi davvero belli. Il gioco di cui parliamo oggi rientra sicuramente in quest'ultima categoria, ovvero dei giochi che vale assolutamente la pena stampare. Nato da un'idea di Joel Finch con una campagna Kickstarter, Unfair è uno dei giochi che più ho apprezzato in questo ultimo periodo nella categoria Print and Play, e non solo. Iniziamo subito col dire che si tratta di un gioco PnP premium, ovvero di un vero gioco in scatola di cui l'autore ha deciso di rilasciare anche tutti i file necessari per stamparsi il gioco. Grande Joel!

Componenti di gioco

Unfair è un gioco di carte per 2-5 giocatori dove l'obbiettivo è quello di creare il miglior parco divertimenti. I materiali di gioco principali sono le carte, un sacco di carte. Per come è strutturato, all'interno del gioco esistono 25 temi per i propri parchi divertimenti (uno per ogni lettera dell'alfabeto, I esclusa), ognuno dei quali corrisponde ad un mazzo di 56 carte da stampare (OMG! Sono 1400 carte!! Con 8 carte per foglio sono 175 fogli, e per giunta fronte-retro!!). Non disperate però, nella versione base del gioco sono presenti solo 6 temiGangster, Giungla, Ninja, Pirati, Robot e Vampiri. Le future espansioni del gioco conterranno altri mazzi, ognuno con il proprio tema. Per poter giocare poi non è richiesto avere tutti i mazzi stampati, ma potete scegliere quali utilizzare e stampare solo quelli. Oltre alle carte, sul sito ufficiale sono state messe a disposizione tutte le altre risorse necessarie: token, tabellone, monete, ecc., ma vi consiglio di stampare solo le carte ed utilizzare componenti di altri giochi (o fiches da poker) per il resto. Poiché vanno mischiate, girate e prese, vi suggerisco di stampare le carte fronte-retro sullo stesso foglio e di plastificarlo prima di procedere con il taglio. In questo modo il risultato sarà ottimale, sia per spessore che per resistenza. Personalmente ho utilizzato dei fogli da 100 g/m^2, successivamente plastificati in pouches gloss da 80 mircon e devo dire che il risultato è perfetto. Ogni mazzo è strutturato sempre allo stesso modo, a prescindere dal tema: 1 Carta Ingresso, 1 Carta Prestito, 3 Carte Funfair, 3 Carte Unfair, 5 Blueprint, 13 Carte Evento, 2 Showcase e 27 carte Parco. Nonostante la struttura comune, ogni mazzo risulta diverso e unico per caratteristiche.

Svolgimento del gioco

Una partita ad Unfair si svolge in 8 round, divisi in 4 step principali: Evento (diviso in 3 micro step), Parco (diviso in 3 o 4 micro step), Ospiti e Pulizia. In ognuna di queste (micro)fasi è possibile compiere diverse azioni a seconda delle necessità e delle carte in gioco: Giocare una (o più) carte evento, Costruire una nuova attrazione, Costruire un upgrade su qualche attrazione, Pescare una carta obiettivo (Blueprint), Raccogliere Soldi, Prendere in mano una carta dal mercato comune,  ecc. I soldi sono l'unica risorsa all'interno del gioco e, con la maggior parte dei mazzi, sono una risorsa scarsa. Gestirli in modo adeguato durante il processo di espansione del proprio parco è importantissimo. Soprattutto tenendo conto che durante lo step evento vengono pescati degli imprevisti che possono essere positivi o negativi, e bisogna quindi tenersi sempre pronti per ogni evenienza. E' possibile accumulare punti in diversi modi, ma principalmente questo avviene tramite carte obiettivo (segrete e personali) e tramite la grandezza delle attrazioni nel proprio parco. Più un'attrazione risulta piena di upgrade e più il suo punteggio sale. Potrebbe sembrare facile costruire una bella attrazione con molti upgrade, ma purtroppo scegliere l'upgrade necessario dal mercato di carte comuni non è sempre facile, sia perché ci viene rubato o perché questo ha un costo eccessivo. Gli avversari inoltre possono sempre giocare delle carte contro di noi in modo da chiuderci una o più attrazioni e rovinarci i piani.

Considerazioni

Il tema dei parchi divertimento non viene utilizzato spesso nel mondo dei giochi in scatola e vedere qualcosa di nuovo fa piacere. Le meccaniche e la varietà di carte e combinazioni fa si che ogni partita sia diversa e questo dona al gioco un alto livello di rigiocabilità. L'approccio iniziale potrebbe non essere così semplice: molte carte in gioco, ognuna delle quali ha un sacco di informazioni (testo, simboli, valori) scritte sopra, e la lingua inglese poi potrebbe non aiutare. Una volta completata una partita però si iniziano a capire i meccanismi e le logiche e tutto inizia a diventar più fluido. Molto apprezzabile anche l'idea dell'applicazione per contare i punti in maniera semplice e veloce. Sul sito ufficiale infatti (https://www.unfair-game.com/scoring/) è disponibile una procedura guidata che con poche informazioni è in grado di contare i punti dei giocatori. Ovviamente è possibile anche farlo a mano, ma la comodità dell'applicazione è indiscutibile.

Download

Potete trovare il manuale e tutti i file necessari per la stampa (con le carte ad alta risoluzione e la grafica originale) del gioco base sul sito ufficiale di Unfairhttps://www.unfair-game.com/pnp-GJNPRV

Unfair
  • 9.5/10
    Johnny - 9.5/10
9.5/10

Commento

Il più bel progetto Print and Play disponibile attualmente. Se volete provare a cimentarvi in questo mondo dovete assolutamente partire da Unfair! (Tra l’altro il gioco è spettacolare!)

 

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Avago ha detto:

    Tema fighissimo! voglio provarlo subito! Sul sito poi ci sono anche già le espansioni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.