Rolling Ranch – Vita da allevatori in formato Roll and Write

Rolling Ranch

Come saprete ormai, i giochi Roll and Write riscuotono sempre parecchio successo all'interno del nostro gruppo di gioco. Negli ultimi mesi abbiamo giocato moltissimo a Cartographers e quando abbiamo scoperto l'esistenza di Rolling Ranch ci siamo fiondati anche su quello. Come mai chiedete voi? Semplice, l'autore di entrambi i giochi è sempre lo stesso, ovvero Jordy Adan. Questa volta con Rolling Ranch ha deciso di realizzare un vero e proprio Tira e Scrivi, e quindi ha sostituito le carte di Cartographers con i dadi. Il gioco, realizzato della ThunderGryph Games arriva in Italia grazie a GateOnGames, e permette a 2-20 giocatori di sfidarsi per scoprire chi è il miglior allevatore. Come sempre le partite per questo genere di giochi sono abbastanza veloci (circa 20 minuti) e Rolling Ranch non fa eccezione. Scopriamo quindi insieme il gioco nel dettaglio.

Materiali

Rolling Ranch Materiale

Come ci si aspetterebbe per un titolo Roll and Write i materiali di gioco non sono molti. All'interno della scatola infatti troviamo 2 dadi personalizzati, 4 mini matite, 20 carte missione con gli obiettivi, un blocchetto di 100 fogli punteggio e il regolamento. Nella scatola (15cm x 10cm) ovviamente non ci sono inserti per il materiale, ma solo una vaschetta centrale, da utilizzare anche come vasca per tirare i dadi. La qualità del materiale è ottima, come per tutti i giochi della ThunderGryph Games. I dadi personalizzati sono molto carini (per disegno, colori e materiali) e i fogli punteggio sono stampati su entrambi i lati. Questo vuol dire che è possibile fare il doppio delle partite, cosa molto utile visto che, per il momento, sul sito ufficiale non si trova ancora il PDF per stampare altri fogli punteggio una volta finito il blocchetto. Ovviamente sono presenti solo 4 matite anche se il gioco permette di giocare fino a 20 persone, quindi se giocate in più di 4 persone il materiale nella scatola non basta, ma non è difficile reperire qualche matita in più.

Meccaniche

Rolling Ranch AzioniTrattandosi di un Roll and Write potete immaginare senza problemi le meccaniche del gioco: Un giocatore tira i due dadi e tutti scrivono sul loro fogli segna punti in contemporanea. Sulle facce dei dadi sono rappresentati 3 diversi animali (Gallina, Maiale e Mucca), i numeri da 1 a 6, degli oggetti (chiodi o assi di legno in diverso numero) e, a volte, un cuore. Dopo il tiro è possibile scegliere se disegnare l'animale di un dado in un recinto (nella posizione indicata dal numero dell'altro dado) o scegliere di raccogliere gli oggetti indicati dai dadi (chiodi/assi). Se entrambi i dadi mostrano il cuore c'è una nuova fase speciale alla fine del turno: l'accoppiamento, tutti i recinti che contengono almeno due animali della stessa specie ottengono un nuovo animale. Carina anche l'idea degli edifici, che portano bonus o punti a fine partita ma che richiedono risorse per poter esser costruiti. Non ci sono altre meccaniche di rilievo in Rolling Ranch. Si tratta quindi di un gioco abbastanza semplice e non impegnativo, ma forse non particolarmente interessante.

Tema e Ambientazione

Spesso risulta difficile mantenere vivo un tema all'interno di una partita di un gioco Roll and Write, e anche Rolling Ranch soffre un po' di questo problema. Una delle cause principali è la difficoltà di disegnare gli animali all'interno dei recinti. Rolling Ranch ExtraA meno che non usiate gli stampini ufficiali con le immagini presenti anche sui dadi, è probabile che riempirete i vostri recinti con cerchi, quadrati e triangoli. Questo toglie un po' di ambientazione dal gioco e lo rende più astratto di quello che dovrebbe. Dal punto di vista grafico (e personale) il gioco è solo accettabile, purtroppo. Non ho apprezzato molto la scelta dei colori/sfondo dei fogli segnapunti e delle carte obiettivo. Trovo che in generale siano presenti troppi stili/colori differenti e che un po' di coesione tra i vari componenti di gioco non avrebbe guastato. Avrei preferito vedere Rolling Ranch con un design più minimal (sulla falsa riga della copertina). Tralasciando i pareri personali, l'unico problema rilevato riguarda i simboli usati nel gioco ed in particolare sulle carte obiettivo. Spesso risulta difficile capire il significato delle immagini presenti sulla propria carta poiché l'esagono esterno (e quindi il doppio esagono negli obiettivi recinto animali) crea confusione nei giocatori meno pratici. Tenete quindi a portata di mano il regolamento in modo tale che tutti possano controllare segretamente il proprio obiettivo quando necessario.

Aspetti Chiave

  • Due dadi, molte possibilità: Tutto il gioco ruota attorno a due soli dadi e nonostante siano pochi, il gioco non risulta limitante nelle scelte (tranne forse nelle fasi finali dove si aspetta un determinato numero/animale). Ottimo utilizzo dei dadi quindi, sfruttati al massimo dalle meccaniche!
  • Nessun tempo morto...: Per come è strutturato il gioco, non ci sono tempi morti, si tirano i dadi e tutti i giocatori scelgono cosa segnare sulla propria scheda in contemporanea. Certo, può capitare di finire prima degli altri, ma l'attesa è praticamente nulla.

Da Migliorare

  • ...ma nessuna interazione tra i giocatori: Come per la maggior parte dei giochi con questa meccanica siamo di fronte ad un solitario collettivo. Ogni giocatore gioca per i fatti suoi e a fine partita si guarda chi ha fatto le scelte migliori (in base all'obiettivo), senza interazioni tra giocatori durante la partita.
  • Cuorinici!: Nonostante sia simpatica ed originale l'idea dei cuori sui dadi, l'accoppiamento degli animali nel recinto facilita un po' il raggiungimento degli obiettivi e il completamento dell'area di gioco. Basta abbandonare due animali del recinto e aspettare che escano i cuoricini. Mhh..
  • Il gioco non ti gioca contro: Mischiare diversi tipi di animali nello stesso recinto riduce i punti che si possono ottenere, ma per come è fatto il gioco,  non si è mai obbligati o invogliati a disegnare due o più tipi di animali nello stesso recinto! Perché mai dovrei perdere punti volontariamente in un modo così banale?

In Sintesi

In fin dei conti si tratta di un gioco simpatico e che non impegna troppo la mente. Ma in un genere sempre più affollato in cui gli altri giochi cercano di attirare pubblico con piccole novità o modifiche interessanti alle meccaniche base, Rolling Ranch risulta un po' piatto e poco accattivante rispetto alla concorrenza, più astratto del necessario e con delle meccaniche poco sfidati.

Ambientazione e Tema
6.00
Meccaniche e Profondità di Gioco
6.50
Longevità e Rigiocabilità
6.50
Materiali e Organizzazione
7.00
Bilanciamento e Scalabilità
8.00
Totale
6.80