T.I.M.E. Stories – Asylum – Incursione 3 (Spoiler, Molti Spoiler)

ATTENZIONE: Il seguente articolo contiene numerosi spoiler sul gioco. Vi consigliamo di NON leggere l'articolo prima di aver giocato per non rovinarvi l'esperienza di gioco!

NOTA: Questa è la 3° Incursione, se vuoi leggere anche la e la Incursione clicca qui.

Questa volta sarà diverso. Questa volta non falliremo come le due volte precedenti. Questa volta porteremo a termine la nostra missione, nel migliore dei modi. Ormai non possiamo più sbagliare. Visto l'esito delle scorse missioni Bob ha deciso di attivare il Protocollo di Emergenza. Questo ci fornisce 5 UT Extra e la sicurezza di non venire scollegati dai nostri ricettacoli per motivi temporali. La missione è sempre la stessa: Prevenire una falla temporale in un Manicomio di Parigi nel 1921.

I Ricettacoli

Per questa incursione alcuni di noi hanno deciso di mantenere i ricettacoli delle volte precedenti, Vasil La Faina ospita ErietteMarie Bertholet ospita Gorzorg, mentre io e Pauro ci siamo fatti guidare dal fato. Il mio ricettacolo è Madeline du Tilleul, una giovane ragazza che non può rimanere da sola mentre Pauro finisce nel corpo di Ferdinand Meunier, un reduce di guerra.

Sala Comune

Come sempre il sistema ci trasferisce nello stesso momento e nello stesso luogo iniziale di tutte le incursioni di questa missione, la Sala Comune del manicomio. Essendo già stati qui per due volte sappiamo bene come muoverci. Ci dividiamo per ottimizzare i tempi: Io finisco dal giocatore di scacchi,  Vasil (Eriette) e Ferdinand (Pauro) vanno dallo strano individuo seduto sul divano mentre Marie (Gorzorg) va verso il dipinto che la ragazza sta creando al centro della sala. Dopo un breve giro iniziale per non destare sospetti con l'infermiera presente in sala decidiamo di spostarci verso il Dormitorio. Ci impieghiamo 3 UT per non destare sospetti, vedere dei pazienti che corrono in giro può allarmare qualcuno.

Dormitorio

Sappiamo che le uniche cose di valore presenti nel dormitorio sono chiuse negli armadietti in fondo alla stanza. Puntiamo tutti e quattro quindi verso gli armadietti e cerchiamo di aprirne il più possibile. Riusciamo nella nostra impresa e in 2 UT riusciamo a recuperare uno sturalavandini, un rubino e una pagina di un quaderno con un pentacolo disegnato. In questa stanza non c'è più niente di utile per la nostra missione, ignorando quindi il paziente che ci chiede aiuto da uno dei letti decidiamo di recarci nello studio del dottor Hyacinthe spendendo 1 UT.

Ufficio del Dottore

Entriamo con calma nello studio del dottore e ci chiudiamo la porta alle nostre spalle. Hyacinthe ci accoglie gentilmente, ma non sa quello che sta per succedere. Ferdinand (Pauro) si scaglia contro di lui con una ferocia mai vista e in un lampo riesce a metterlo KO, per sempre. "Bye Bye Dr. Hyacinthe" dice Ferdinand (Pauro) con tutta calma una volta rialzatosi. Sappiamo del passaggio segreto alle spalle del dottore, quindi non facciamo troppa fatica a trovare il pulsante di apertura. Scendiamo quindi le scale e ci troviamo in un angusto tunnel. Il tutto ci richiede 2 UT.

Tunnel

Fino ad ora è andato tutto bene, precisi, veloci e senza perdite di tempo. Ma qui nel tunnel non c'eravamo mai stati, dobbiamo fare molta attenzione da ora se vogliamo completare la missione con successo. Proseguendo nel tunnel capiamo subito che si tratta di una intricata serie di cunicoli che formano un vero e proprio labirinto. Trovare l'uscita non sarà facile. Fortunatamente però Vasil (Eriette) e Marie (Gorzorg) fanno parte di questa missione. In sole 2 UT, e tra i nostri sguardi sbigottiti, riescono a muoversi con sicurezza tra i vari cunicoli fino a raggiungere un punto di uscita. Nel nostro percorso inoltre troviamo anche una nuova pagina strappata da un diario, anche questa rappresentante un pentacolo.

Parco

Con nostra grande sorpresa l'uscita del tunnel si trova nel parco attorno all'istituto. Dal punto di uscita vediamo un gazebo da cui partono tre strade: una verso l'ingresso del manicomio, una punta a sinistra dentro il bosco e uno a destra verso il retro del parco. Io e  Vasil (Eriette) prendiamo quest'ultima strada mentre Marie (Gorzorg) e Ferdinand (Pauro) prendono il sentiero opposto al nostro. Se ci ricordiamo bene cosa abbiamo visto nelle incursioni precedenti io e  Vasil (Eriette) dovremmo arrivare alla Serra. Intanto Marie (Gorzorg) e Ferdinand (Pauro) riescono a reclutare Jules che si unisce alla nostra causa.  Fatto ciò ci raggiungono alla serra. Questa volta non siamo stati precisi come al solito ed abbiamo impiegato 5 UT.

Serra

Siamo già stati nella serra, sappiamo cosa si cela tra la vegetazione. Armati di coraggio quindi io e Ferdinand (Pauro) puntiamo alla zona di sinistra, da cui provengono strani rumori. Vasil (Eriette) punta invece la cascata mentre Marie (Gorzorg) si concede due passi davanti alla piccola vasca. Troviamo due nuovi pentacoliVasil (Eriette) ne trova uno su un foglio accanto ad una statua della cascata mentre Marie (Gorzorg) lo trova su una chiave lanciata da qualcuno dentro la piccola vasca. Io e Ferdinand (Pauro) invece siamo più sfortunati, tra la fitta vegetazione troviamo uno strano animale dall'aria molto poco amichevole, una manticora. Grazie all'aiuto di Jules, in 1 UT riusciamo a sconfiggere il mostro. Accanto al suo corpo troviamo una nuova pietra preziosa, questa volta un'ametista.

Parco

Torniamo nel parco (2UT) e ci dirigiamo a colpo sicuro verso il gazebo. Nell'ultima incursione abbiamo visto la botola e la chiave che abbiamo appena trovato dovrebbe aprirla. Scendiamo nella botola e troviamo delle strane creature dalle fattezze umane intente in quello che sembra un rito sacro con canti a pieni polmoni. Appena si accorgono della nostra presenza iniziano ad attaccarci. Il combattimento è concitato. Jules è il primo di noi a cadere. Io subisco gravi ferite, Ferdinand (Pauro) fa quello che può ma anche lui viene colpito. Marie (Gorzorg) però riesce a risolvere la situazione mettendo fuori gioco le creature restanti.

Sotto al Gazebo

Ci troviamo in una sala sotterranea da cui si diramano 3 strade: una cancello aperto a destra, un cancello socchiuso a sinistra e un cancello chiuso a chiave di fronte a noi. La scelta è ardua, ogni strada può farci avvicinare al nostro obiettivo o allontanarci ulteriormente. Dopo un po' di discussioni decidiamo di guardare ogni possibile strada. Ferdinand (Pauro) punta la strada aperta a destra, io ed Vasil (Eriette) andiamo in centro, verso il cancello chiuso a chiave, mentre Marie (Gorzorg) guarda la strada di sinistra. Inciso sul cancello troviamo un ultimo pentacolo, sembra essere la strada giusta questa, non può essere solo un caso, ma qual'è il codice per aprire il cancello? Con un po' di tempo riusciamo a venire a capo del codice, il cancello si apre rivelandoci un nuovo luogo, la cripta.

Cripta

Al centro della cripta troviamo la stessa ragazza che dipingeva nella sala comune completamente nuda, al centro di un pentacolo disegnato a terra,  attorno a lei due statue di mostri alati. Ferdinand (Pauro) e Marie (Gorzorg) si avvicinano , un po' titubanti, alla ragazza, Vasil (Eriette) va verso la statua di destra mentre io mi avvicino a quella di sinistra. Non appena sono abbastanza vicino le due gemme che ho in tasca iniziano a brillare e, appena le tiro fuori, vengono attratte verso gli occhi della statua. La statua prende vita e mi porge uno strano elemento di forma cubica, su una delle compare l'iscrizione Temporalis Iter Occultus. Non sapendo bene cosa fare prendo l'oggetto e lo infilo in tasca. Da lontano intanto vedo Ferdinand (Pauro) e Marie (Gorzorg) discutere con la ragazza. Ad un certo punto lei inizia ad urlare e si scaglia verso i compagni. Senza perdere un attimo anche io e Vasil (Eriette) corriamo in loro soccorso. Ferdinand (Pauro) riesce a mettere a segno qualche colpo, Marie (Gorzorg) invece non è così fortunata e cade svenuta a terra. Essendo però 3 contro 1, la ragazza non ha speranze e poco dopo cade a terra prima di svanire.

La Base

Un lampo bianco investe tutto e, dopo un attimo, quando riapro gli occhi, mi trovo di nuovo nella base dell'agenzia T.I.M.E. Dall'aria contenta sulla faccia di Bob direi che siamo riusciti a portare a termine la missione, e con ben 4 UT avanzate! Dopo i doverosi complimenti Bob ci porta nella sala annessa per la riunione di debriefing. Mentre ci spostiamo noto che lo strano oggetto cubico che mi aveva dato la statua è ancora nella mia tasca. Com'è possibile? Non dovrebbe poter succedere una cosa del genere.

Punti Missione

  • 3° Incursione: 20 PM
  • 4 UT Rimanenti: 4 PM
  • Totale: 24 PM
  • Risultato: Agenti di 2° Classe
  • Radiofari: 1 Rosa e 1 Blu
Voto Incursione
  • 9/10
    Johnny - 9/10
  • 9/10
    Gorzorg - 9/10
  • 8.5/10
    Eriette - 8.5/10
  • 8/10
    Pauro - 8/10
8.6/10

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.